Lavori di ripristino officiosità idraulica del Fiume Chienti dalla foce al ponte sulla S.P. n° 46, nei comuni di Civitanova Marche, Montecorsaro, Monte San Giusto, Sant’Epidio a Mare, Montegranaro e Porto Sant’Epidio

  • Cliente / Ente

    Regione Marche

  • Periodo

    2021 – 2022

  • Luogo

    • Provincia di Fermo (FM)
    • Provincia di Macerata (MC)
  • Tipologia di attività svolte

    Studio idraulico

Descrizione del Progetto

H.S. INGEGNERIA ha curato l’analisi idraulica a fondo mobile del fiume Chienti a supporto degli interventi di ripristino dell’officiosità idraulica del corso d’acqua nel tratto a valle della S.P. n. 46.

Il fiume Chienti in questo tratto presenta divagazioni dell’alveo con presenza di isole e lenti ghiaiose derivanti dal fenomeno di accumulo del materiale trasportato dalla corrente. Gli interventi di ripristino del corso d’acqua prevedono il taglio ed asporto della vegetazione in alveo, manutenzione della sponda finalizzata all’eliminazione della vegetazione precaria e la movimentazione del materiale d’alveo per riattivare il trasporto solido, bloccato dalla fitta vegetazione.

Il lavoro ha riguardato la modellazione idraulica del fiume Chienti per un tratto di lunghezza complessiva pari a circa 14 km, effettuata mediante il software di calcolo HEC-RAS, standard di riferimento a livello internazionale. Nella fattispecie sono state effettuate:

  • analisi in moto vario a fondo fisso mediante modello misto 1D/2D per l’intero tratto oggetto di studio
  • analisi a fondo mobile mediante modello 2D del tratto finale del corso d’acqua (a valle della linea ferroviaria Adriatica)

Il modello geometrico del corso d’acqua è stato definito a partire dai rilievi topografici effettuati a cura della Regione Marche, integrati per le aree esterne all’alveo con i dati Lidar del Ministero della Transizione Ecologica (MITE).

L’effetto prodotto dagli interventi previsti in progetto è stato introdotto nel software mediante la variazione del coefficiente di scabrezza di Manning. L’analisi idraulica ha evidenziato che gli interventi di taglio ed asporto della vegetazione, con conseguente riduzione del parametro di Manning, portano ad una leggera riduzione delle aree di esondazione.

La modellazione idraulica a fondo mobile è stata effettuata al fine di valutare eventuali variazioni significative nell’andamento dei profili del pelo libero legate a variazioni nella morfologia del tratto prossimo alla foce. Dall’analisi dei risultati è stata osservata una tendenza alla trasmigrazione laterale nella parte di valle del corso d’acqua, con valori di erosione crescenti all’aumentare della portata simulata.